IL BENESSERE DELL’ACQUA CAMBIA NOME!

blank

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su pinterest
Condividi su twitter

Il 2021 si inaugura con importanti novità per SFA Group: lo storico marchio Grandform, specialista nell’idroterapia e nel wellness in Italia da oltre 40 anni, da gennaio si chiama Kinedo, un nome che racchiude al suo interno tutta l’esperienza aziendale nel design, in un’ottica ancora più internazionale e ricercata. La presentazione ufficiale della nuova identità è avvenuta durante l’evento digitale in live streaming del 12.01.21.

Il brand Kinedo, già riferimento in Europa per il “WELLNESS PER AQUAM”, si presenta al mercato italiano per raccogliere sotto una stessa identità tutta l’esperienza Grandform. L’obiettivo che si propone è di diventare il nuovo player di riferimento per la fascia medio alta del mercato

Il passaggio di testimone coincide con la trasformazione delle esigenze del consumatore, spesso guidato dal consiglio di un professionista, che si manifesta in scelte più consapevoli e più attente al design applicato all’ergonomia.

SFA Group, sempre attento a rispondere con anticipo alle nuove esigenze del mercato, ha così scelto di far convogliare sotto la stessa identità Kinedo, tutta l’esperienza nell’idroterapia e nel wellness di Grandform. Questa nuova sfida unirà ancora più sinergicamente design e tecnologia, il tutto in una nuova prospettiva di sintesi evolutiva dell’acqua.

blank

“La scelta di far confluire sotto il nome Kinedo tutta l’esperienza Grandform è frutto di una scelta strategica che vuole arricchire con uno spirito più internazionale la forte qualità riconosciuta in Italia a Grandform. Kinedo racchiude al suo interno una energica carica emozionale e suggestiva: la sua forza riporta alla cultura millenaria dell’acqua come elemento di vita e di salute. – commenta Rino Ferreri AD di SFA Italia e Direttore Strategico Design di SFA Group – Come Gruppo abbiamo fortemente voluto questo switch che ha il senso di un passaggio generazionale e di contaminazione culturale che il cambio di millennio sta imponendo a tutti i settori.” 

Leggi altro...