Rifare il bagno, progettazione e costi 

blank
Se il tuo bagno non ti piace più scopri come devi organizzarti per ristrutturarlo

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su pinterest
Condividi su twitter

L’anno scorso ho ristrutturato casa. Chi dice che il trasloco è una cosa faticosa forse non ha mai pensato di ristrutturare l’abitazione in cui vive o deve andare a vivere, perché chi ci è passato sa bene di cosa sto parlando. Ma il risultato, signori miei, vi ripagherà di tutti gli sforzi e i gastroprotettori assunti!

Parliamo dunque di rinnovo, di riorganizzazione, di ammodernamento di una delle stanze principali della casa, il bagno. I sanitari non vi convincono più? Le piastrelle non vi sono mai piaciute? Lo spazio sembra non bastare mai? Insomma, se non ora quando, come si diceva qualche tempo fa: è tempo di ristrutturare il bagno, scopriamo insieme quali sono i passi da seguire per procedere nel modo più opportuno.

Renovierung, BaustellePartiamo dalla progettazione: si comincia con il decidere quale sarà la nuova disposizione di lavello, bidet, wc e doccia/vasca, tenendo in considerazione la metratura, la funzionalità, l’apertura della porta di ingresso e di quella del box. Se le dimensioni sono ridotte in lunghezza i sanitari dovranno essere disposti su due lati su quattro, se sono ridotte in larghezza potrete scegliere un lavabo+mobile più stretto oppure inserire cassettoni / base contenitore.

I rivestimenti devono seguire sia il proprio gusto personale che la facilità di pulizia (per esempio la scelta delle piastrelle opache e a tinta unita per il pavimento è sconsigliata, lo sporco si vede fin dal salotto), inserendo magari uno stacco a metà muro con delle piastrelle differenti (attenzione, se sono molto molto particolari possono arrivare a costare anche centinaia di euro l’una!).

Nel momento della selezione del wc, che va scelto assieme al bidet, vi stupirete di quanti modelli esistono in commercio: grande, piccolo, sospeso, di design, colorato, opaco (la spesa di entrambi potrebbe aggirarsi attorno ai 3-400 euro, con il miscelatore). Meglio armarsi di pazienza, così come per il lavandino (che con il miscelatore potreste comprare a 3-400 euro).

Se state pensando di scegliere l’arredo su misura allora acquistate una dose in più di pazienza, perché è probabile che un falegname abbia dei tempi di consegna più lunghi, e che il prezzo sia più alto. La manodopera di idraulici e muratori, infatti, rappresenterà una parte importante del vostro budget, cifra che potrete decidere di dilazionare o finanziare, laddove possibile.

Ma passiamo alla doccia/vasca. Mi sembra di sentire quello che dite: facile da pulire, soffione generoso, meno binari possibili, porta in cristallo con apertura a battente. I prezzi? Scoprili qui!

Leggi altro...